Uno scrigno chiamato Alfa Romeo/A treasure Chest called Alfa Romeo [ITA/ENG]

01_24_HP 1910

269_4904 Ferrari Nuvolari Arcangeli Siena 1931

Uno scrigno chiamato Alfa Romeo
Il futuro prossimo dell’Archivio storico e del Complesso Museale di Arese

Nel paesaggio post apocalittico del Complesso del Museo e degli uffici Alfa Romeo di Arese, attualmente in fase di completa ristrutturazione, pochi giorni fa ho avuto la fortuna di incontrare e fare due chiacchiere con il Dott.Marco Fazio, Responsabile del Centro Documentazione Automobilismo Storico, per parlare dell’Archivio Storico e degli sviluppi legati al nuovo progetto del complesso museale.
VP: il Centro Documentazione Alfa Romeo se non sbaglio è nato negli anni ’60, chi lo fondò e in quale luogo?
MF: si è esatto, venne fondato grosso modo negli anni ’60, ancora nella vecchia sede di Milano Portello. Ma naturalmente, da sempre Alfa Romeo ha cercato di conservare la documentazione di ciò che veniva prodotto. Sfortunatamente tutta la documentazione antecedente alla seconda guerra mondiale, andò distrutta in seguito ai bombardamenti del 1944. Quindi nell’archivio c’è purtroppo un buco storico, corrispondente a quel periodo. La persona a cui va però in particolare il merito della conservazione ed archiviazione dei documenti e della memoria storica dell’azienda, è senza dubbio la signora Elvira Ruocco, all’epoca Responsabile dell’Ufficio Stampa e attualmente in pensione.DSC00507
VP: Quali attività di ricerca promuove il Centro Documentazione?
MF: Collaboriamo con tutti quelli che necessitano di effettuare degli approfondimenti storici per diversi motivi, dalla pubblicazione di libri, articoli alla documentazione necessaria per effettuare i restauri, come ad esempio il reperimento dei numeri di telaio. E’ un lavoro enorme, in quanto riceviamo 5/6.000 richieste all’anno dal’Italia e naturalmente moltissime dall’estero.
VP: Che cosa conserva il Il Centro Documentazione? Produce testi o merchandising?
MF: L’archivio contiene i testi che riguardano Alfa romeo, materiali audio-video e tutta la documentazione tecnica delle auto prodotte. In passato sono stati pubblicati dei testi. Per quanto riguarda il merchandising, quello che è in vendita attualmente sul sito Alfa Romeo, in qualche modo proviene da noi..
VP: Mi darebbe qualche cenno sugli sviluppi del nuovo Museo e sul ruolo che potrebbe assumere il Centro Documentazione in questo contesto, anche in termini di apertura al pubblico.
MF: Il Complesso del Museo e degli uffici sono in fase di completa ristrutturazione e quindi anche noi ne siamo coinvolti, in quanto si prevede la completa riorganizzazione di tutti gli spazi. Si tratta di un intervento che riguarda anche le aree esterne e prevediamo la riapertura del Museo e delle attività annesse, per l’estate del 2015. Il nostro ruolo essenzialmente rimarrà però il medesimo, non nel senso che non siamo disponibili verso il pubblico, cosa che ci fa sempre piacere, ma perché il nostro compito è proprio quello di tutelare la riservatezza della documentazione e dei contenuti degli archivi Alfa.
VP: Una domanda indiscreta: come è arrivato a dirigere questo centro?
MF: no, non lo è, rispondo volentieri: 11 anni fa dopo essermi laureato in archeologia industriale, ho mandato ad Alfa Romeo il mio curriculum, ed ebbi la fortuna di essere immediatamente assunto.
Un ringraziamento al Dott.Fazio per la disponibilità e la simpatia. Le immagini storiche pubblicate sono state gentilmente concesse dal Centro Documentazione Automobilismo Storico Alfa Romeo

VP – SoulCarsRace 2014

DSC00509

A treasure Chest called Alfa Romeo
The near future of the historical archives and the Museum of Arese

In a post apocalyptic landscape of the museum complex and offices Alfa Romeo in Arese, currently undergoing complete renovation, a few days ago I had the fortune to meet Dr. Marco Fazio, head of Historical Alfa Romeo Documentation Centre, to speak with him about the historical archives and the developments related to the new design of the museum complex.

VP: Alfa Romeo Documentation Centre, if I’m not mistaken, was born in ‘ 60, who founded it and where?
MF: it is claimed, was founded roughly in the years ‘ 60, still in old Milan offices of Portello. But of course, Alfa Romeo has always tried to keep the documentation of what was produced. Unfortunately all the documentation prior to the second world war, was destroyed following the bombings of 1944. Then in the store, there is unfortunately a hole corresponding to that historical period. The person to whom it should be specifically about the preservation and archiving of documents and historical memory of the company, is without doubt Ms.Elvira Ruocco, who was Responsible for the Press office and currently retired.
VP: what research activities promotes the documentation centre?
MF: we collaborate with all those who need to perform historical insights for several reasons, the publication of books, articles or finding chassis numbers and documentation needed for example to make the restoration of classic Alfa cars.
It is a huge jobs as we get 5-6,000 requests per year from Italy and, of course, many from abroad.
VP: what keeps the Documentation Centre? The Center publish or produces merchandising?
MF: the database contains records that include Alfa romeo, audio-visual materials and technical documentation of cars produced. In the past texts have been published. As for the merchandise, what is on sale currently at Alfa Romeo, somehow comes from us…

33 TT 12 1000 km Zeltweg 1975 Bell (Pescarolo) 33 TT 12VP: Would you give some news about the developments of the new Museum and about the role it could play in this context, the documentation centre, also in terms of opening to the public.
MF: The museum complex and offices are undergoing complete renovation and therefore also we are involved, since it provides for the complete reorganization of all spaces.
It is an intervention that also concerns the external areas and expect the reopening of the Museum and associated activities for the summer of 2015.
Our role will remain essentially the same, though not in the sense that we are not available to the public, thing that we always enjoy, but because our task is precisely to protect the confidentiality of the documentation and the contents of the files of Alfa Romeo.
VP: An indiscreet question: How did you get to direct this Centre?
MF: no, it isn’t, i willingly answer: 11 years ago after I graduated in industrial archeology, I have sent to Alfa Romeo my CV, and I was fortunate enough to be hired immediately.

A special thanks to Dr. Fazio for availability and sympathy. The Historical images were kindly granted by the Historical Alfa Romeo Documentation Centre 

VP – SoulCarsRace 2014

 

2 pensieri su “Uno scrigno chiamato Alfa Romeo/A treasure Chest called Alfa Romeo [ITA/ENG]

  1. Correggo due imprecisioni.
    Non sono mai stata responsabile dell’Ufficio Stampa, lo sono invece stata, dal 1983 al 2005, del Centro Documentazione e dell’Archivio Storico, che nel 1996 si è aggiudicato il premio di migliore Archivo che opera in Lombardia (gli altri due Archivi premiati furono quelli di “I Santi le borse” e di Atisa (fotografo).
    Il dr. Fazio la lavorato come stagista per un anno con me in Archivio, poi fu richiamato alla fine del 2005 quando lasciai l’Alfa Romeo.
    Elvira Ruocco

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...