La grafica dinamica di Hans Liska/ The dynamic graphics by Hans Liska [ITA/ENG]

La grafica dinamica di Hans Liska

Spesso il dipinto di un bravo pittore è in grado di trasmettere molto di più di una fotografia proprio grazie alla capacità dell’artista di rappresentare un’idea, un’azione, un’emozione, facendo risuonare le corde dell’emozione. Hans Liska ha certamente questa grande dote.

French GP near Lyon 4 July 1914 Hans Liska 1960 Mercedes Grand Prix of the eventual winner Christian Lautenschlager n.28 ahead of Léon Elskamp driving a Naga

Hans Liska 1960: GP di Francia nei pressi di Lione, 4 luglio 1914, Mercedes Grand Prix del possibile vincitore Christian Lautenschlager n.28 davanti a Léon Elskamp alla guida di una Nagant/French GP near Lyon 4 July 1914 Hans Liska 1960 Mercedes Grand Prix of the eventual winner Christian Lautenschlager n.28 ahead of Léon Elskamp driving a Nagant

Hans Liska, nato a Vienna nel 1907 e scomparso nel 1983 in un paesino vicino Bamberg, noto come grafico pubblicitario è stato in realtà un vero e proprio maestro e ha rappresentato, soprattutto nella prima metà del secolo scorso immagini pubblicitarie, sportive e turistiche, creando in particolare negli anni ’50 veri e propri capolavori d’arte, dalle locandine di gara a romantiche immagini turistiche della nostra penisola.

Ogni opera di Hans Liska riflette la ricerca dell’attimo abbinata ad eccezionali doti artistiche e ad una buona dose di umorismo. Liska pur avendo vissuto in un epoca in cui la fotografia si era diffusa già da diversi decenni, ha saputo immortalare con china e acquerello le imprese epiche di Mercedes-Benz, celebrando vittorie epiche come quella della Carrera Panamericana (leggi qui la storia della Mercedes SL alla Carrera panamericana).

A92F33_1472292-Kopie

Liska a partire dal 1951 ha infatti seguito per oltre dieci anni i successi sportivi della Casa di Stoccarda e lo sviluppo di nuovi modelli. Le sue creazioni sono apparse su poster di gara, dépliant e pubblicità, ma anche pubblicazioni speciali, coniugando le sue elevate doti artistiche all’amore per le automobili.

Hans Liska è stato uno dei più importanti disegnatori di stampe e pubblicità della metà del XX secolo. Le immagini realizzate con matita, penna e pennello vanno al di là di semplici illustrazioni volte ad attrarre il pubblico: ogni soggetto narra una storia. Illustrazioni operistiche, ambientazioni teatrali, sportive, circensi, ma anche ritratti, illustrazioni futuristiche per la rivista “Quick” e parodie dell’arte moderna.

Con il suo stile che l’artista austriaco ha perfezionato lavorando come illustratore per giornali e riviste negli anni Trenta e durante la Seconda Guerra Mondiale, Liska riesce a liberare abilmente i suoi soggetti dalle restrizioni formali imposte dalle illustrazioni a carattere puramente documentale. Vedono così la luce immagini potenti e dinamiche, caratterizzate da linee nette e scolpite, dall’idea di movimento e da un contrasto simile ad un collage tra diverse prospettive, dimensioni e testi. È così che Liska riesce ad immortalare anche i momenti magici della storia agonistica di Mercedes-Benz: le vittorie delle sportive da corsa Mercedes-Benz 300 SL (W 194, 1952), i trionfi delle nuove Frecce d’Argento (W 196 R, 1954/1955) ed i successi della 300 SLR (W 196 S, 1955).

24 Stunden von Le Mans, 1952. Rennsportwagen Mercedes-Benz 300 SL (W 194). Rennplakat von Hans Liska.

Mercedes-Benz 300 SL (W 194) alla 24 ore delle Mans, 1952 / 24-hours of Le Mans, 1952. Racing sports car Mercedes-Benz 300 SL (W 194).

Tra le creazioni figurano sia le grandi vittorie che scene uniche come l’impatto con un avvoltoio durante la Carrera Panamericana del 1952, nella quale il volatile si schiantò sul parabrezza della 300 SL guidata da Karl Kling con il copilota Hans Klenk, che poi tagliarono il traguardo per primi.

Non meno intensa la sua rappresentazione di Stirling Moss e Denis Jenkinson mentre sfrecciano in un centro storico italiano medievale sulla loro 300 SLR durante la Mille Miglia del 1955, mentre i britannici avanzano con decisione verso il traguardo fiancheggiati da spettatori, fotografi e cineprese. Sullo sfondo spicca la biancheria stesa ad asciugare da una parte all’altra di un vicoletto nella cornice di un cielo di straordinaria limpidezza.

Sogni e vita quotidiana nel periodo del cosiddetto “Wirtschaftswunder”: un altro fondamentale aspetto del lavoro di Liska per Mercedes-Benz con cui si è guadagnato la sua attuale reputazione di grande cronista della quotidianità nel periodo del “miracolo economico”, sono le creazioni aventi come protagoniste le vetture di serie della casa di Stoccarda. Con sapiente maestria vengono ritratti momenti di vita quotidiana dell’epoca, carica di sogni di ricostruzione e di ripresa economica. I soggetti spaziano dal commerciante di frutta che consegna la sua merce su un luccicante furgoncino Mercedes-Benz 170 D, fino all’affascinante anteprima della Mercedes-Benz 600 (W 100) al Salone Internazionale dell’Automobile (IAA) nel 1963.

9218962004m345

Premiere in grande stile: la Mercedes-Benz 600 fa il suo debutto all’International Motor Show 1963 / Premiere in grand style: The Mercedes-Benz 600 made its debut at the 1963 International Motor Show

Hans Liska ha dato libero sfogo alla propria immaginazione ed al proprio talento di narratore all’interno dei libri illustrati con soggetti Mercedes-Benz pubblicati negli anni Cinquanta. Nel 1951 viene pubblicato “Sketchbook”, il primo della serie, seguito da altri due volumi nel 1953 e nel 1955.

Mille Miglia, 1952. Rennsiegplakat von Hans Liska.

Mille Miglia 1952

I viaggi personali in auto, ad esempio in Italia ed in Svizzera, hanno stimolato e nutrito la creatività di Liska portandolo a creare immagini che riflettevano i sogni di molti tedeschi nei primi anni del miracolo economico. Anche qui ha sperimentato ripetutamente combinazioni di elementi grafici e testuali. Eppure non sono soltanto i temi contemporanei ad essere stati oggetto della vivacità dello stile di Liska. L’artista è riuscito a narrare per immagini anche momenti che hanno fatto la storia dell’epoca. Alla fine degli anni ’50 ha ritratto infatti l’ascesa di Mercedes-Benz nell’olimpo del Motorsport a partire dalla prima gara automobilistica in assoluto del 1894, fino alle vittorie delle Frecce d’Argento negli anni Trenta e Cinquanta.

The dynamic graphics by Hans Liska [English version]

Often the painting of a good painter is able to convey much more than a picture thanks to the artist’s capacity to represent an idea, an action, an emotion making resonate the strings of the emotion. Hans Liska certainly has this great gift.

Hans Liska, born in Vienna in 1907 and died in 1983 in a village near Bamberg, known as a graphic designer was in fact a real maestro, and he represented, especially in the first half of last century sports and tourism, creating advertising images, and more in the years ’50 real masterpieces of art, from posters to tender to romantic tourist images of our country.

Every work of Hans Liska reflects the talents and the search for exceptional artistic and moment, combined with a good dose of humor. Liska despite having lived in an era when photography had spread for several decades, has been able to capture with ink and watercolor the epics of Mercedes-Benz, celebrating historic wins as the Carrera Panamericana (read here the history of the Mercedes SL the Carrera panamericana).

Großer Jubiläumspreis vom Nürburgring für Sportwagen, 3. August 1952. Rennplakat von Hans Liska, englische Ausführung.

Giubileo del Nürburgring Grand Prix per le auto sportive, 3 agosto 1952 / Nürburgring Jubilee Grand Prix for sports cars, 3 August 1952.

Liska since 1951 has followed for over ten years the sporting success of the House of Stuttgart and the development of new models. His creations have appeared on posters, leaflets and advertising, but also special publications, combining its high artistic skills to the love for cars.

Hans Liska was one of the most important designers of the 20th century prints and advertising. The images made with pencil, pen and brush go beyond simple illustrations designed to attract audience: each person tells a story. Opera Theater, sports, circus, illustrations, but also portraits, futuristic illustrations for the magazine “Quick” and parodies of modern art.

Preis von Bern, 18. Mai 1952. Rennplakat von Hans Liska.

Gran Premio di Berna, 18 maggio 1952 / Bern Grand Prix, 18 May 1952

With his style that the Austrian artist has perfected working as an illustrator for newspapers and magazines in the 1930s and during World War II, Liska skillfully managed to free his subjects from the restrictions imposed by formal character illustrations only. Thus see the light powerful images and dynamic, characterized by clear lines and sculpted, from the idea of movement and a collage-like contrast between different perspectives, size and text. That’s how Liska manages to capture even the magical moments of racing history of Mercedes-Benz: the victories of Mercedes-Benz 300 SL racing sports (W 194, 1952), the triumphs of the new silver arrows (W 196 R, 1954/1955) and the success of the 300 SLR (W S 196, 1955).

28565c8733958619e6d32fdade6c769b

Among the creations are both big wins that unique scenes as the impact with a vulture during the 1952 Carrera Panamericana, where the bird landed on the windshield of the 300 SL led by Karl Kling with co-pilot Hans Klenk, who then cut the finish line first.

No less intense her portrayal of Stirling Moss and Denis Jenkinson while whizzingg in a medieval Italian town centre on their 300 SLR during the Mille Miglia in 1955, while the British advance firmly towards the finish line flanked by spectators, photographers and cameras. In the background stands the laundry hung out to dry by one party to the other in an alleyway in a sky of extraordinary clarity.

Dreams and daily life in the period of the so-called “Wirtschaftswunder”: another fundamental aspect of the work of Liska for Mercedes-Benz with which has earned his current reputation of great chronicler of everyday life during the “economic miracle”, creations having as protagonists the production cars of the House in Stuttgart. With great skill are depicted daily life of the time, full of dreams of rebuilding and economic recovery. The subjects range from fruit trader who delivers her goods on a gleaming van Mercedes-Benz 170 D, to the fascinating preview of Mercedes-Benz 600 (W 100) at the International Motor Show (IAA) in 1963.

Hans Liska gave free rein to their imagination and talent as a storyteller inside picture books published in the 1950s with Mercedes-Benz. In 1951 it published “Sketchbook”, the first of the series, followed by two more volumes in 1953 and in 1955.

Personal journeys by car, for example, in Italy and in Switzerland, have stimulated and nurtured the creativity of Liska leading him to create images that reflect the dreams of many Germans in the early years of the economic miracle. Even here he experienced repeatedly combinations of graphics and text. Yet it is not only contemporary themes to be the subject of the liveliness of the style of Liska.

The artist was able to relate to images even moments that have shaped the history of the period. At the end of the years ‘ 50 he portrayed the rise of Mercedes-Benz in the Olympus of Motorsport from the first-ever car race of 1894, to the victories of the silver arrows in the 1930s and 1950s.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...