Mercedes-Benz SL: una Super Leggera da corsa/Mercedes-Benz SL: a Super lightweight racing car [ITA/ENG]

1946, la più grande catastrofe della storia dell’umanità si appena conclusa lasciando dietro di se morte e distruzione. Solo due anni prima gli stabilimenti Daimler-Benz di Sindelfingen, Untertürkheim, Berlin-Marienfelde e Mannheim sono stati bombardati 1 e le autorità statunitensi che hanno preso il controllo dell’area in cui sorgono i principali stabilimenti, hanno imposto di non produrre autovetture di nuova progettazione. Le uniche linee di montaggio ancora integre sono quelle della gamma W136, che comprende la 170V nata nel lontano 1935. Nel 1949 il veto viene tolto e Mercedes-Benz, pur con risorse limitate, può tornare a progettare nuove vetture. Lo scopo principale è quello di ricostruire l’azienda sul piano economico, restituendo alla casa tedesca il prestigio e la credibilità di un tempo, un percorso nel quale il ritorno al mondo delle corse è di estrema importanza, ed è così che prende vita il progetto SL “sport und licht”.

55293

Mercedes-Benz 300 SL (W194) – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Sport und licht= SL

Indole sportiva e leggerezza: la nuova vettura deve poter soddisfare queste caratteristiche, ma le risorse economiche disponibili non bastano per creare una nuova auto da corsa, così il 27 marzo 1950 Rudolf Uhlenhaut viene incaricato dello sviluppo di questo ambizioso progetto. Rudolf è un eccellente progettista della casa tedesca e sfruttando motore, cambio e sospensioni ricavate da vetture di serie, crea in breve tempo la 300 SL. La SL è una vettura da corsa spinta dal motore M186 (ricavato dalla Typ 300), da tre litri e 6 cilindri in linea, ampiamente riveduto al fine di aumentarne la potenza in modo consistente 2.

mercedes-benz-300-sl-w-194-2-1952_8

Lo Chassis della Mercedes-Benz 300 SL (W194) – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

La posizione del motore inclinata di 50° consente di alloggiarlo senza problemi nella gabbia tubolare di alluminio che costituisce il telaio della vettura. Una soluzione questa, che garantisce al telaio caratteristiche di leggerezza e rigidità, all’epoca sconosciute.Il propulsore, dotato di tre carburatori Solex, sprigiona la bellezza di 175 CV; anche le sospensioni ed il cambio derivano dalla produzione in serie.L’apertura delle portiere ”ad ali di gabbiano” è quasi un obbligo dettato dal telaio a traliccio, che salendo verticalmente lungo le fiancate costringe i progettisti a creare questo nuovo sistema di apertura.Nel novembre del 1951 i primi prototipi senza carrozzeria, vengono provati sul tracciato di Solitude, una pista semi urbana che collega Stoccarda, Leonberg e Büsnau 3. Il 12 marzo del 1952 la SL è pronta per essere presentata ufficialmente alla stampa.

mercedes-benz-300-sl-w-194-2-1952_21.jpg_1000

Mercedes-Benz 300 SL (W194) – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

w194

Mercedes-Benz 300 SL (W194) – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Il debutto in gara

Più di due anni sono passati dall’avvio del progetto e finalmente giunge il momento del debutto in gara. Brescia 3 maggio 1952: alla Mille miglia tre esemplari di 300 SL (W194) sono pronte per partire. Gli equipaggi scelti sono composti da Rudolf Caracciola 4/Peter Kurrle, Karl Kling/Hans Klenk ed Hermann Lang/Erwin Grupp.

Mille Miglia, 3. bis 4. Mai 1952. Das Fahrerteam Karl Kling und Hans Klenk (Startnummer 623) mit einem Rennsportwagen Mercedes-Benz Typ 300 SL (W 194, 1952).

Mille Miglia 1952, Karl Kling/Hans Klenk (n.623) su Mercedes-Benz 300 SL (W 194) prima della partenza/ Mille Miglia 1952, Karl Kling/Hans Klenk (# 623) on Mercedes-Benz 300 SL (W 194) before the start – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Le auto prendono il via e dopo soli due terzi di gara la 300 SL di Kling/Klenk precede la Ferrrari 250S di Bracco di 4 minuti, che però nella parte terminale della gara riesce a recuperare lo svantaggio e taglia il traguardo per prima. La coppia Lang/Grupp è costretta al ritiro per una uscita di strada, Kling chiude in una incoraggiante seconda posizione, mentre è quarta la SL di Caracciola/Kurrle.

Mille Miglia, 1952. Zweiter Platz: Karl Kling/Hans Klenk (Startnummer 623) mit Mercedes-Benz Rennsportwagen Typ 300 SL (W 194, 1952).

Mille Miglia 1952. Secondo posto per Karl Kling/Hans Klenk (n.623) su Mercedes-Benz 300 SL (W 194)/Mille Miglia 1952. Second place went to Karl Kling/Hans Klenk (# 623) on Mercedes-Benz 300 SL (W 194) – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

18 maggio 1952, arriva la prima vittoria

La 300 SL, giunta seconda a Brescia, non è riuscita a dimostrare appieno il suo potenziale, ma ha certamente destato qualche preoccupazione in casa Ferrari, che troverà conferma a Berna. La prima vittoria arriva infatti il 18 maggio 1952 in una gara di categoria Sport sul circuito di Bremgarten, evento parallelo al GP di Formula uno, che vede chiudere per primi al traguardo in quest’ordine: Karl Kling, Hermann Lang e Fritz Rieß che con questo notevole risultato coronano la rinascita della casa di Stoccarda. La giornata però non si chiude positivamente a causa del terribile incidente di Rudolf Caracciola che con la stessa vettura, in seguito all’incidente sarà costretto a concludere la propria carriera agonistica: alla prima curva è Rudolf in testa alla gara, ma pochi giri dopo uno dei freni della sua SL si blocca e lui finisce contro un albero. La moglie accorre sul luogo dell’incidente e lui per tranquillizzarla le dice: “Non ti preoccupare, si è rotta la gamba buona, se si accorcerà come l’altra non zoppicherò più”.

15 giugno 1952: la SL rilancia a Le Mans

La ventesima edizione della 24 ore di Le Mans e certamente un ottima occasione per dimostrare finalmente le prestazioni e la resistenza della 300 SL.

le mans

Le Mercedes 300 SL di Hermann Lang/Fritz Rieß e Theo Helfrich/Helmut Niedermayr alla partenza della 24 ore di Le Mans/The Mercedes 300 SL of Hermann Lang/Fritz Rieß and Theo Helfrich/Helmut Niedermayr at the start of the 24 hours of Le Mans – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Tra Mercedes e Ferrari è come sempre battaglia aperta. Sul Circuit de la Sarthe tra i concorrenti anche la Ferrari 250 S Berlinetta Vignale di Alberto Ascari che malgrado il giro più veloce alla media di 173.159 km/h non riesce a concludere la gara. Le terribili Mercedes 300 SL di Hermann Lang/Fritz Rieß e Theo Helfrich/Helmut Niedermayr tagliano il traguardo in prima e seconda posizione.

Il team manager Alfred Neubauer durante la gara – The Team manager Alfred Neubauer during race – Photo credit: Getty images

Quella del 1952 è una edizione memorabile, anche per il tentativo di Pierre Levegh di guidare da solo l’intera 24 ore. Purtroppo sia a causa della stanchezza che per il guasto alla biella della sua Talbot-Lago T26 GS Spider, il tentativo sarà destinato a fallire.

3 agosto 1952: le SL strepitose anche al Nurburgring

Il risultato di Berna si ripete al Annivesary Gran Prix per Sport car sul terrificante circuito del Nurburgring. Sulla griglia quattro 300 SL W 194 in versione roadster, al volante Theo Helfrich, Lang, Rieß e Kling.

nurbugring 1952

3 agosto 1952, Nurburgring, Lang, Kling, Rieß e Helfrich su Mercedes-Benz 300 SL tagliano il traguardo nelle prime 4 posizioni/August 3, 1952, Nurburgring, Lang, Kling, Mercedes-Benz 300 SL Helfrich Rieß and cross the finish line in the top 4 positions – Photo credit: Mercedes-fans.de

È ancora un trionfo, con le quattro auto ai primi quattro posti: il vecchio guerriero Hermann Lang è vincitore, lo seguono Rieß, Helfrich e Kling che ha perso tempo a causa di una perdita d’olio.

Rudolf Uhlenhaut

Rudolf Uhlenhaut seduto a bordo della W194 pronta per la panamericana/Rudolf Uhlenhaut sitting aboard the W194 ready for panamericana – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Una nuova sfida su un palcoscenico “mondiale”

Le difficilissime strade della Carrera Panamericana possono certamente rappresentare un bellissimo palcoscenico con una risonanza mondiale, capaci di mettere in mostra le capacità della 300 SL. Sui pericolosi sterrati messicani si disputa la terza edizione di questa competizione nata per celebrare la nuova arteria stradale che attraversa il Messico da nord a sud, dagli Stati Uniti al Guatemala. La Carrera in soli tre anni ha saputo conquistarsi una terribile fama grazie alle notevoli difficoltà degli impervi tracciati lunghi oltre 3000 chilometri, che conducono le vetture oltre tremila metri di altitudine. 

23 novembre 1952: Carrera Panamericana 1952, un viaggio attraverso l’inferno

Una prova durissima quella della Panamericana, perché le sue sette tappe per complessivi 3113 km devono essere raggiunte in soli cinque giorni e senza alcun possibilità di riposo. Al pari della Mille miglia, della Targa Florio e della 24 ore di Le Mans, la Carrera Panamericana, rappresenta certamente una ardua prova per quanto riguarda motore, sospensioni e freni.

Carrera_1953_percorso

Tra le case partecipanti oltre a Mercedes-Benz, Alfa Romeo, Lancia, Porsche, Volkswagen e Lincoln anche Ferrari che l’anno prima ha tagliato il traguardo nelle prime due posizioni; proprio per questo motivo, per l’edizione del 1952 gli americani chiedono di modificare il Regolamento di gara, creando una divisione di categorie tra i partecipanti: da una parte le Sport per auto sportive con due posti, dall’altra le Turismo Standard, comprendenti le auto da turismo di produzione standard, con minimo quattro posti.

Ferrari è rappresentata dal team privato Guastalla, proveniente da Milano che ha iscritto 4 Ferrari 340 Mexico da 4,1 litri V12, assegnate a Ascari, Villoresi, Chinetti e Farina; inoltre guidata da Bracco/Bronzoni, la stessa Ferrari 250S da 3 litri che pochi mesi prima ha vinto la Mille Miglia e partecipato alla 24 ore di Le Mans.

Tre le 300 SL iscritte, di cui due coupé e una spider, prelevate dagli 11 prototipi da corsa realizzati. Un corpo di alluminio disegnato nel tunnel del vento, copre una sottile gabbia di tubi metallici di piccolo diametro che formano il telaio alleggerito della SL. Le due Coupè hanno un peso netto di 840 kg., mentre la spider è di circa 70 kg. più leggera. I 170 CV disponibili permettono alla SL di raggiungere circa 250 km/h.

s-l1600

1952, alla 3^ Carrera Panamericana Mexico, la squadrone Mercedes-Benz: da sinistra: Hermann lang, Erwin Grupp, Karl Klink e Hans Klenk con 300 SL Coupé, John Fitch ed Eugen Geiger con 300 SL roadster/1952, 3rd Carrera Panamericana, Mexico, the Mercedes-Benz Squadron: from left: Hermann lang, Erwin Grupp, Karl Klink and Hans Klenk with 300SL Coupe, John Fitch and Eugen Geiger with 300 SL roadster- Photo credit: Mercedes-Benz Archive

John Cooper Fitch

John Cooper Fitch

Sotto la direzione della leggendario Alfred Neubauer il team Mercedes-Benz giunge alla competizione con uno staff costituito da 23 persone e 13 veicoli comprendenti le auto da corsa, due camion e diverse 300 e 220 di serie utili per esercitarsi sugli sterrati della Panamericana. Mentre le Ferrari corrono con ruote da 16”, le SL montano ruote da 15”, inoltre sfruttando l’esperienza acquisita sugli impegnativi circuiti tedeschi, Neubauer decide di utilizzare i pneumatici già impiegati al Nurburgring con battistrada più spesso, capaci di riscaldarsi a sufficienza sui lunghi rettilinei e in grado di offrire una maggiore resistenza su lunghi tracciati; mentre per le tappe previste a partire da Città del Messico Neubauer impiegherà il pneumatico tipo chiamato “Avus” (impiegato sul noto circuito tedesco), con battistrada più sottile. Al volante di una delle due SL di nuovo Kling, con il copilota Klenk, sull’altra SL Hermann Lang con il copilota Erwin Grupp, mentre al volante della SL roadster il pilota John Fitch, che ha già auto occasione di correre alla panamericana dell’anno precedente a bordo di una Stock car Chrysler. John Cooper Fitch (discendente di John Fitch, inventore del battello a vapore) è un piota di notevole esperienza. Pochi mesi prima, tra i partecipanti di Le Mans, rimane impressionato dalle prestazioni della SL e allo stesso modo Rudolf Uhlenhaut, capo ingegnere del Team Mercedes-Benz nota le capacità di Fitch, tanto da offrirgli l’opportunità di testare la nuova SL sul Circuito del Nurburgring. Quasi una simpatia reciproca che ha dell’inverosimile, considerando che pochi anni prima Fitch, pilota scelto di aerei nell’esercito degli Stati Uniti, mitragliava a bordo del suo P-51 Mustang  i terribili aerei da combattimento tedeschi Messerschmitt Me 262. Ad ogni modo la prestazione di Fitch è degna di nota e il pilota riesce a convincere Nuebauer a partecipare alla Panamericana dello stesso anno. Una decisione “fuori programma” in quel momento per la casa tedesca. A Fitch viene data quindi la SL roaster, ma senza possibilità di testarla. Il suo copilota è il tedesco Eugene Geiger; la comunicazione tra i due è abbastanza difficoltosa in quanto Geiger parla solo tedesco e Fitch solo l’inglese, inoltre il boato del motore e il rumore durante la gara non sono certo di aiuto, così i due decidono di utilizzare i gesti.

Tappa 1 da Tuxtla-Gutierrez a Oaxaca

La competizione non inizia nel migliore dei modi per le SL. La guida di Fitch è molto aggressiva, durante la competizione John si lamenta del sovrasterzo della sua SL roadster, soprattutto nelle curve con fondo accidentato. Come può accadere in corse su tracciati urbani come la Mille miglia, da dietro l’angolo può improvvisamente saltare fuori qualcosa, così Fitch, come altri piloti, tende a correre stando in centro al tracciato e ciò offre anche una maggiore visuale delle curve; mentre corre lungo un rettilineo ad alta velocità un pneumatico esplode rompendo un ammortizzatore, John decide così di fermarsi per riparare l’auto, ma ciò è contrario al regolamento, così il pilota viene squalificato dalla prima tappa. La SL di Kling invece prima fora un pneumatico, poi mentre corre a circa 220 km/h, ha un incontro ravvicinato con un Caracara, una sorta di aquila locale, che ha la sfortuna di trovarsi sulla stessa traiettoria dell’auto e sfondando il parabrezza finisce contro il viso di Klang, che essendosi dimenticato di indossare il caschetto rimane ferito e perde i sensi.

Carrera_Panamericana-Mexico_1952

Sosta della 300 SL di Kling/Klenk dopo l’incontro con il volatile durante la prima tappa da Tuxtla Gutierrez a Oaxaca/The 300 SL of Kling/Klenk after meeting the bird during the first stage from Tuxtla Gutierrez in Oaxaca – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Dopo aver bevuto the caldo Klang si riprende, ma la situazione peggiora quando dopo alcune miglia, a causa della pressione del vento dovuta alla alta velocità dentro la vettura, il lunotto posteriore esplode. A bordo della SL di Lang le cose non vanno molto meglio: poco prima di arrivare a Oaxaca, ha un brutto incidente, mentre corre a 200 km/h non riesce ad evitare un cane che attraversa il percorso, l’auto è danneggiata ma i piloti ne escono illesi. Alla sosta sia Mercedes che Ferrari possono effettuare il cambio dei pneumatici. La Ferrari 340 di Villoresi ha problemi all’iniezione, ma la grande sorpresa è che la prima tappa è stato vinta dal pilota francese Jean Behra su Gordini 17S da 2,3 litri.

52147-17

Sosta della 300 SL di Kling/Klenk per la sostituzione del pneumatico (dopo l’incontro con il volatile) durante la prima tappa da Tuxtla Gutierrez a Oaxaca in uno dei molti punti di sosta istituiti da Mercedes-Benz lungo il percorso/Parks of the 300 SL of Kling/Klenk for replacement of the tyre (after meeting the Caracara) during the first stage from Tuxtla Gutierrez to Oaxaca in one of the many checkpoints set up by Mercedes-Benz along the way Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Behra guidando da solo per tutta la tappa di 330 miglia senza effettuare il cambio delle gomme ha raggiunto Oaxaca con 6 minuti di anticipo rispetto alla Ferrari di Bracco. Mentre Kling arriva terzo, 8 minuti dopo Behra, a causa della sostituzione del pneumatico forato, che gli è costata ben 12 minuti. Il Senatore Luis Manjarre, grande appassionato di auto da corsa, sentita alla radio la notizia delle disavventura della SL con il volatile, fa inviare immediatamente con un aereo privato un nuovo parabrezza e un lunotto posteriore, assieme a delle barre in acciaio da montare davanti al parabrezza prima di partire per la seconda tappa.

Tappa 2 da Oaxaca a Puebla

A Oaxaca grazie alla vittoria conseguita nella prima tappa Jean Behra ha il diritto di partire primo. John Fitch partito quarto, sfreccia come al solito al limite delle possibilità della vettura, 30 miglia prima di Puebla attraversa a tutta velocità un ponte, ma ma non manca di notare le inequivocabili tracce di un disastro. Blocca la vettura e in mezzo alla polvere fa retromarcia, così descrive la scena che appare a suoi occhi: i segni neri dei pneumatici attraversano il ponte in diagonale verso destra e finiscono in un burrone, subito sotto, un precipizio. 10 metri più in basso vede la Gordini di Behra inclinata su un fianco e incastrata tra due rocce. I pneumatici di scorta montati sul retro della Gordini hanno funzionato come un roll-bar evitando che il pilota rimanesse schiacciato. Jean anche questa volta è stato salvato dalla fortuna. La seconda tappa si conclude con Villoresi primo, davanti alle due SL di Fitch e Kling, con Bracco quarto.

1952_carrera_panamericana_-_je

La Gordini di Behra incastrata tra due rocce/The Gordini of Behra wedged between two rocks – Photo credit: unknown

Tappa 3 da Puebla a Città del Messico

Si apre con un altro terribile incidente su un ponte subito fuori da Puebla, il pilota locale Santos Letona esce di pista con la sua Jaguar XK120 sfondando il parapetto e muore sul colpo. La tappa si conclude con Bracco primo nella categoria Sport con la sua Ferrari 250S, seguito dalle tre SL di Kling, Fitch e Lang. Le auto partecipanti vengono scortate dalla polizia attraverso Città del Messico, dove 500.000 persone stanno celebrando la rivoluzione del 1910. Lungo il tracciato della gara, al passaggio dei concorrenti la folla picchia i pugni sulle vetture, mentre i soldati in preda alla agitazione impugnano le baionette.

Tappa 4 da Città del Messico a Leon

Lungo i polverosi rettilinei che risalgono il Messico verso nord Villoresi su Ferrari 340 Mexico ha il tempo migliore, dietro di lui la Ferrari di Bracco e quella di Chinetti, a seguire il trio di SL rallentate da una foratura. Per la squadra Mercedes è il momento di passare ai pneumatici tipo “Avus”.

Tappa 5 da Leon a Durango

Si tratta del tratto più lungo di tutta la gara. Mentre la Ferrari di Villoresi ha problemi alla distribuzione, la squadra Mercedes inizia a raccogliere i risultati del preciso programma di avanzamento della gara, stabilito tappa per tappa. Lungo il tracciato sterrato la polvere di pietra pomice presente è letale per i pneumatici. John Fitch per permettere al copilota di verificare durante la corsa lo stato di usura dei pneumatici, pratica dei fori sopra ai parafanghi, sul retro della vettura in modo da poterli osservare senza necessità di fermare l’auto. Per Neubauer è giunto il momento del contrattacco alla Ferrari. I tedeschi realizzano il miglior tempo della quinta tappa, battendo di un minuto la Ferrari di Bracco. Fitch con alcuni problemi allo sterzo, giunge quarto. La gara prosegue, ma delle 92 auto partecipanti ne rimangono ora solo 44.

Tappa 6 da Durango a Parral e Tappa 7 da Parral a Chihuahua

All’avvio della tappa Bracco è di nuovo in testa con un vantaggio di 3’ 45” rispetto a Kling, ma la Ferrari giunta a Parral inizia a perdere potenza. Bracco prima dell’avvio della settimana tappa, si avvicina a Klenk e gli consiglia di non prendersi ulteriori rischi, dato che ha capito che il motore della sua Ferrari 250S non è ha ancora per molto. Subito fuori da Parral, dopo sole 20 miglia la 250S infatti si ferma per un guasto e la SL di Kling prende il comando. Fitch malgrado i grossi problemi allo sterzo non vuole per alcun motivo perdere posizioni. Poco dopo la partenza della settima tappa la sua auto esce però di pista in un testa coda. Si dirige allora al punto di sosta, dove i meccanici dopo 13 minuti di lavoro sull’allineamento dello sterzo riescono a farlo ripartire. Giunto a Chihuahua viene ancora una volta squalificato per aver ricevuto assistenza durante la gara. Gli viene permesso di correre nell’ultima tappa ma senza il conteggio di alcun punteggio. Kling vince la settima tappa con una velocità media di 203 km/h. davanti a Chinetti e Maglioli.

Giovanni Bracco con la sua Ferrari 250 Sport fermo a Parral al rifornimento, poco prima dell’inizio della settima tappa/Giovanni Bracco with his Ferrari 250 Sport catch in Parral refuelling, shortly before the start of the seventh stage – Photo credit: Getty images

Tappa finale da Chihuahua a Cuidad Juarez 

A92F33_1472292-Kopie

E’ la tappa più veloce e la più dura di tutta la competizione. Forti venti soffiano sabbia attraverso la strada, inoltre la temperatura si è notevolmente abbassata. Un gruppo di vetture semidistrutte, carrozzerie ammaccate dai sassi e dagli urti, resti di animali e vegetazione sulla griglia del radiatore, transita davanti alla folla in attesa tagliando il traguardo.
Dopo quattro tappe vinte la SL di Kling, Klenk conlude prima assoluta alla terza panamericana, con una velocità media di 165 km/h, e un tempo complessivo di 18 ore, 51 minuti e 19 secondi, avendo coperto la tappa finale alla notevole media di 214 km/h. La SL di Hermann Lang arriva seconda assoluta seguita dalla Ferrari 340 Mexico di Chinetti e dalla Lancia Aurelia di Maglioli. Il trionfo della Mercedes-Benz riscuote una grande interesse nel mercato americano. Dei 95 equipaggi iscritti solo 39 sono riusciti a qualificarsi. A causa dei numerosi decessi tra i piloti e il pubblico, nel 1955 la Carrera verrà abolita dal governo messicano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Karl Kling e Hermann Lang vittoriosi dopo l’estenuante Carrera Panamericana/Karl Kling and Hermann Lang victorious after the grueling Carrera Panamericana – Photo credit:Getty images

Nasce la SL “Hobel”

Dopo la incredibile catena di successi ottenuti dalla 300 SL (W194) nel 1952, realizzata in soli dieci esemplari, e conclusasi con l’epica esperienza della Carrera; nel 1953 il Consiglio di amministrazione di Mercedes-Benz decide di sviluppare una nuova versione dell’auto in vista della nuova stagione agonistica del 1954.

mercedes-benz-sl-a-auto-e-moto-depoca-2012-mercedes-benz-300-sl-hopel

Mercedes-Benz 300 SL “Hobel” (W194) Prototipo/Mercedes-benz 300 SL “Hobel” (W194) Prototype – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Il prototipo elaborato a partire dalla W194 ed identificato con il numero di telaio 00011/53, comprende diversi perfezionamenti tecnici: un passo ridotto di 100 mm., per avere una migliore distribuzione dei pesi.

classic_museum_solitude_660x602

W194 protype-Mercedes-Benz_300_SL_Rennsport-Prototyp - foto Daimler300 SL prototype for the season in 1953, who does not race is usedMercedes-Benz 300 SL “Hobel” (W194) Prototipo/Mercedes-benz 300 SL “Hobel” (W194) Prototype – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

mercedes-benz-300-sl-w-194-2-1952_17.jpg_1000

La “Hobel” a fianco della W194/The “Hobel” alongside the W194 – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Una carrozzeria in magnesio riveste un motore con basamento in alluminio, dotato di iniezione diretta, capace di ben 215 Cv, 40 CV in più rispetto alla versione originale con carburatore; inoltre vengono apportate modifiche alla canalizzazione dell’aria di raffreddamento e al telaio, riducendo il peso complessivo del veicolo. La nuova SL è ora davvero “Leicht”, pesa infatti quasi 90 kg. in meno rispetto alle precedenti W194. Questo nuovo prototipo grazie alla particolare forma del muso tronco con una griglia di raffreddamento ridotta rispetto alla W194 viene soprannominato “Hobel” (pialla del falegname) e sui tracciati come Monza, Hockenheim e Solitude-ring dimostra ottime capacità.

classic_museum_solitude_titel_v2_1180x763

Da sinistra la W194, la “Hobel” e la 300 SL “Gullwing” (W198 I) – From left the W194, “Hobel 300 SL” Gullwing “and” (W198 I) – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

12 ottobre 1953: il veicolo è pronto per effettuare i primi test. Un giorno intero di test sul circuito di Solitude permette  ai piloti di iniziare a prendere dimestichezza con la nuova vettura in vista della stagione del 1954. Il tracciato del Solitude ring, che attraversa alcuna centri abitati viene come di consueto transennato dalla polizia. In pista una 300 SL da corsa della stagione 1952 e il nuovo prototipo con telaio n.00011/53. La linea di partenza e quella di arrivo si trovano all’angolo di Glemseck. Il Direttore di gara Alfred Neubauer ha organizzato ogni cosa proprio come in una giornata di gara: pneumatici, fusti di combustibile, bandiere di segnalazione e servizi di cronometraggio, presenti naturalmente meccanici e ingegneri, così come i fotografi e i medici. Un set-up perfetto per una giornata di formazione. Il tempo record sul giro viene realizzato dal pilota più giovane: Hans Herrmann, che ha completato il tracciato di 11,7 chilometri in 4’52”, surclassando conducenti considerevolmente più esperti come Karl Kling (5’17”), Hermann Lang (5’10”), Fritz Rieß (5’07”) e il capo ingegnere Rudolf Uhlenhaut (5’03”). Come Neubauer ha annotato nella sua relazione: “il nostro giovane ed emergente pilota Hans Herrmann ha realizzato una performance sorprendente, essendo l’unico a concludere in meno di cinque minuti, infrangendo il record del giro ufficiale, tenuto fino a oggi dal motociclista Kavanagh”. Herrmann viene quindi naturalmente messo sotto contratto per la stagione 1954.

classic_museum_solitude_02_660x602

1954, Hans Herrmann seduto sulla W196 al Gran Premio di F1 di Francia a Reims, prima della gara/1954, Hans Herrmann sitting on the W196 F1 Grand Prix of France at Reims, before the race – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

A questo punto l’azienda cambia i propri programmi, decide di tornare si a gareggiare nel 1954, ma per partecipare al Campionato di Formula uno, mettendo in pista una vettura totalmente nuova. Un obbiettivo che ha la precedenza assoluta su tutte le altre attività agonistiche in corso; la partecipazione della 300 SL alle competizioni del 1953 viene quindi abbandonata. A questo punto la casa di Stoccarda parte con il progetto della strepitosa monoposto W196 che in mano a Fangio otterrà risultati straordinari.

Mercedes-Benz 300 SLR. Tutta un’altra storia?

Chassis of the 300 SLR 1955 - it is the straight eight engine

Lo chassis della Mercedes-Benz 300 SLR/The chassis of Mercedes-Benz 300 SLR – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

1955: la nuova parola d’ordine è F1, Mercedes-Benz spopola in tutte le piste, ma all’appello manca una gara popolare in tutto il mondo come la Mille miglia, dove Mercedes-Benz ha un conto in sospeso con Ferrari ancora dal 1952, anno della sfiorata vittoria con la W194. La 300 SLR, nasce quindi appositamente con lo scopo di partecipare alla 24 Ore di Le Mans, al Campionato del mondo sport prototipi e alla Mille Miglia. Così proprio grazie agli sviluppi tecnici elaborati per la formula uno (W196) nasce la SLR: Sport Leicht-Rennen (sportiva, leggera e da corsa).Nonostante la somiglianza del nome, la SLR (nota con il codice W196S) non è esattamente una evoluzione della 300SL (W194), quanto piuttosto figlia della strepitosa monoposto, da cui eredita la maggior parte del telaio, della trasmissione e il motore da 8 cilindri con valvole desmodromiche, da 2.496 cc., potenziato a 2981 cc. con uno sviluppo di ben 310 cv e una velocità di punta di oltre 300 km/h. Anche il sistema di iniezione del carburante ad alte prestazioni è quello della W196, che a sua volta ha sfruttato quello impiegato durante la seconda guerra mondiale sul caccia Messerschmitt Bf 109E. Il telaio reticolare è a tubi di alluminio come nella 300 SL, qui però più rigido, più leggero e più basso e sostiene una leggerissima carrozzeria in lega di magnesio, materiale che però nel terribile incidente di le Mans del ’55 risultò poi essere facilmente infiammabile ed impossibile da spegnere. Per ridurre l’usura dei freni in gara, Uhlenhaut crea (per la 24 ore di Le Mans) uno specifico deflettore ricavato da una parte del posteriore della carrozzeria, che alzandosi in verticale prima delle curve offre un buon contributo nella fase di decelerazione.

24 ore di Le Mans, 11-12 giugno 1955, Karl Kling su Mercedes-Benz 300 SLR alla curva del Tertre Rouge aziona il deflettore frenante, dietro di lui lo sfortunato compagno di squadra Pierre Levegh/24 hours of Le Mans, 1112 June 1955, Karl Kling on Mercedes-Benz 300SLR at the bend of the Tertre Rouge operates the brake baffle, behind him the unfortunate teammate Pierre Levegh – Photo credit: Getty images

22.04.2015_Classic Insight “Erfolgsgeschichten 1955“

Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Come nella W196 il motore è stato inclinato a destra per abbassare il profilo della vettura, creando come conseguenza il caratteristico rigonfiamento del cofano sul lato del passeggero per la bocca di aspirazione dell’aria di raffreddamento. Nata grazie alle notevoli capacità del capo progettista Rudolf Uhlenhaut la 300 SLR è la più grande auto sportiva da corsa mai realizzata, come la definisce Stirling Moss.Anche le edizioni del ’53 e ’54 della Mille Miglia vedono tagliare il traguardo per primi gli inarrestabili italiani, su Ferrari e Lancia; ma il 1° maggio del 1955 appaiono minacciose alla partenza della Mille Miglia ben quattro 300 SLR.

Mille_Miglia_2014_(15)

Mille miglia 1955, la 300 SLR di Fangio alla partenza/Mille miglia 1955, Fangio’s 300 SLR at the start – Photo credit: Getty images

Fangio, Moss e Kling, portano nel ’55 la SLR al successo in tutte le principali gare su strada: oltre alla Mille Miglia, alla Targa Florio, alla Corsa dell’Eifel presso il Nürburgring, al Tourist Trophy e al Gran Premio di Svezia. Al volante quattro assi, tra cui oltre a Fangio, Kling, Hermann e Stirling Moss, nuova promessa della Formula uno, che insieme al copilota Denis Jenkinson, taglia per primo il traguardo con la sua SLR numero 722 in 10 ore, 7, minuti e 48 secondi, con l’incredibile media di 157,65 km/h; è il miglior tempo mai realizzato nella storia della corsa5. Segue Fangio, rallentato da alcune difficoltà meccaniche.

22.04.2015_Classic Insight “Erfolgsgeschichten 1955“

Photo credit: Mercedes-Benz Archive

A causa di un guasto, Hans Herrmann è invece costretto al ritiro sul Passo della Futa quando, al volante della sua 300 SLR, occupava saldamente la seconda posizione. Alla 24 ore di Le Mans dello stesso anno la SLR acquisisce purtroppo anche una fama negativa, in seguito al più terribile incidente della storia dell’automobilismo, quando alla guida di Pierre Levegh finisce nella tribuna degli spettatori. Mercedes-Benz si ritira dal mondo delle corse, lasciando continuare a correre una manciata di privati appassionati.

Rudolf Uhlenhaut with his Uhlenhaut-Coupé, the 300 SLR (W196 S) 1955

Rudolf Uhlenhaut con la 300 SLR Prototipo “Coupé di Uhlenhaut” (W196 S), 1955/Rudolf Uhlenhaut with the 300 SLR “Uhlenhaut-Coupé” prototype, (W196 S), 1955 – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Sindelfingen, Mercedes Autowerk

La 300 SLR Prototipo “Coupé di Uhlenhaut” (W196 S), 1955/The 300 SLR “Uhlenhaut-Coupé” prototype (W196 S), 1955 – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Dei nove esemplari di 300 SLR prodotti, due vengono convertiti in versione stradale coupè, impiegando anche parti della 300 SL, creando così una sorta di ibrido tra i due modelli, noto con il nome di Coupé di Uhlenhaut: all’epoca l’auto più veloce al mondo circolante. Dopo il disastro di le Mans, questo progetto, pur avendo caratteristiche adatte per poter essere messo in produzione viene abbandonato. 

panoramica

Da destra a sinistra: la 300 SL (W194) del 1952, il prototipo 300 SL “Hobel” 194/11 per la stagione 1953, la W198 per la produzione di serie (1954) e all’estrema sinistra la 300 SLR “Coupè di Uhlenhaut” W196 S del 1955 – From right to left: the 300 SL (W194) of 1952, the prototype 300 SL “Hobel”194/11 for the 1953 season, the W198 for series production (1954) and on the far left of the 300 SLR W196 “Uhlenhaut Coupè” of 1955 – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Vittorio Piaggi

Note

  1. Inoltre il 19 marzo 1945 Hitler ha ordinato la distruzione di tutte le installazioni industriali, militari e civili presenti in Germania.
  2. Il propulsore M194 è sua volta derivato dal M186 da 3 litri, impiegato sulle massicce berline Typ 300.
  3. Il Solitude-Ring è un glorioso circuito oramai in disuso, situato lungo la Valle di Mahden, fra le città di Stoccarda, Leonberg e Büsna. Qui si tenevano gare fino al 1965, incluse le gare di Formula 1 nel 1960. Alfred Neubauer è apparso qui per la prima volta nella sua veste di direttore di gara nel 1926. Sul Circuito di Solitude hanno corso leggende come Von Trips, Jim Clark e Chris Amon. Il tracciato percorreva diverse strade pubbliche che in occasione delle competizioni venivano temporaneamente chiuse. Il suo nome deriva dal vicino Castello della Solitudine del 1764, (Schloss Solitude), residenza di caccia del Duca di Württemberg. Nel luglio del 2015 Mercedes-Benz ha celebrato il Solitude Revival mettendo in pista come allora le 300 SL sul leggendario circuito.
  4. Otto Wilhelm Rudolf “Rudi” Caracciola, è uno dei mitici piloti anteguerra che come Nuvolari, ha avuto il fegato e le capacità per vincere su automobili velocissime ed impossibili da guidare come le formula uno degli anni ’30. Nato in Germania da una famiglia di origine italiana era soprannominato”Il mago della pioggia” per le sue notevoli capacità di guida anche su strade bagnate.
  5. Nel 2015 Mercedes-Benz ha festeggiato i 60 anni della vittoria del 1955 alla Mille miglia con il “Mercedes-Benz Tribute to Mille Miglia” a cui hanno preso parte al volante delle 300 SLR i piloti che all’epoca hanno partecipato alla gara: Sir Stirling Moss, Hans Herrmann, oltre al contemporaneo Ralf Schumacher. All’evento hanno partecipato in qualità di ambasciatrici del marchio le potentissime e supersportive SL AMG, SLR e SLS.
    Fonti
    – La carrera panamericana – J.Tipler, veloce publishing, 2014.
    – Mercedes sport – R.W.Schelegelmilch, H.Lehbrink, Konemann edit.
    – Mercedes – E.Deleidi, ediz.Quattroruote, 2008
    – mercedes-seite.de

17 luglio 1954, Alfred Neubauer abbraccia Juan Fangio e Carl Kling (a sinistra) prima della partenza del Royal Automobile Club Grand Prix race a Silverstone/July 17, 1954, Alfred Neubauer embraces Juan Fangio and Carl Kling (left)before the departure of the Royal Automobile Club Grand Prix race at Silverstone – Photo credit: Getty images

 

Mercedes-Benz SL: a Super lightweight racing car [English version] 

1946, the largest catastrophe in the history of humanity is just ended leaving behind death and destruction. Only two years before Daimler-Benz plants in Sindelfingen, Untertürkheim, Berlin-Marienfelde and Mannheim were bombarded1 and the us authorities who have taken control of the area in which the main establishments, have imposed not to produce newly designed cars. The only assembly lines still intact are those of the range W136 including 170V born in far 1935. In 1949 the ban is lifted and Mercedes-Benz, despite limited resources, may return to design new cars. The main purpose is to rebuild the company economically, giving back to the German company the prestige and credibility of the past, a position where the return to the world of racing is extremely important, and that’s how it comes to life the project SL “Sport und Licht.

Sport und licht = SL
Raciness and lightness: the new car must be able to meet these characteristics, but the financial resources available are not sufficient to create a new race cars, so the March 27, 1950 Rudolf is in charge of development of this ambitious project it picked up. Rudolf is a wonderful designer of German house and taking advantage of engine, gearbox and suspension derived from production cars, creates in a short time the 300 SL. The SL is a racing car driven by M186 engine (taken from the Typ 300), three liters 6 cylinders in line, extensively revised in order to increase their power significantly 2.
2010DIG0974

Mercedes-Benz 300 SL (W 194) – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

The motor position at an angle of 50° lets it without problems in the aluminium cage that forms the frame of the car. A solution that guarantees to the chassis characteristics of lightness and rigidity, were previously unknownThe engine, fitted with three Solex Carburetors, unleashes the beauty of 175 CV; even the suspension and gearbox derived from mass production. The door opening gull-wing” is almost an obligation dictated by the trellis frame, which climbed vertically along the sides, forcing designers to create this new opening system.2010DIG0617

Mercedes-Benz 300 SL (W 194) – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

In November 1951 the first prototypes without bodywork, are tested on the track of Solitude, an urban seed which connects Stuttgart, Leonberg and Büsnau3. On March 12 of 1952 the SL is ready to be officially presented to the press.
SL 300 Restaurierung (W 194) 2011
SL 300 Restaurierung (W 194) 2011
Mercedes-Benz 300 SL (W 194) – Photo credit: Mercedes-Benz Archive
The race debut
More than two years have passed since the start of the project and finally comes the time of race debut.
Brescia May 3, 1952: at the Mille miglia race three 300 SL (W194are ready to start. Selected crews are composed of RudolfCaracciola4/Peter Kurrle, Karl Kling/Hans Klenk and Hermann Lang/Erwin Grupp. The cars take off and after just two-thirds of the race the 300SL of Kling/Klenk precedes the Ferrrari 250S Bracco di 4 minutesbut at the end of the race Bracco manages to retrieve the disadvantage and crosses the finish line first. The couple Lang/Grupp is forced to retire for a run off the road, Kling closes in an encouraging second while is fourth the SL of Caracciola/Kurrle.
Mille Miglia, 3. bis 4. Mai 1952. Das Fahrerteam Rudolf Caracciola / Paul Kurrle (Startnummer 613) mit Rennsportwagen Mercedes-Benz Typ 300 SL (W 194, 1952) belegen den 4. Platz.

Mille Miglia 1952. Fourth place for Karl Kling/Hans Klenk’s (n.613) Mercedes-Benz 300 SL (W 194) – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

May 18, 1952, first victory
The 300 SL, finished second in Brescia, has failed to demonstrate its full potential, but it has certainly aroused some concern in casa Ferrari, which will find confirmation in Bern. The first victory comes on May 18, 1952 at Bremgarten circuit, Sports category parallel event to Formula One GP, who sees close to first to the finish line in this order: Karl KlingHermann Lang and Fritz Rieß that with this remarkable result Crown the rebirth of the House of Stuttgart.
The day though doesn’t close positively because of the terrible incident of Rudolf Caracciola who with the same car, following the accident will be forced to conclude his racing career: at the first curve Rudolf leading the race, but a few laps after one of the brakes of his SL crashes and he ends up into a tree. His wife rushed to the crash site and he tells her to put her mind at ease: “don’t worry, broke her good leg, if it will get shorten as the other leg i’ll don’t limp anymore.”
DSC05041DSC05043
 A W194 a the passage of Mille miglia 2015 at Monza Circuit – Photo credit: Vittorio Piaggi
June 15, 1952: the SL raises to Le Mans
The 20th Edition of the 24 hours of Le Mans and certainly an excellent opportunity to demonstrate performance and finally the strength of 300 SLBetween Mercedes and Ferrari is as always open battle. At the Circuit de la Sarthe between 250 S Berlinetta Vignale competitors also Alberto Ascari’s Ferrari that despite the fastest lap at an average of 173,159 mph fails to finish the race. The terrible Mercedes 300 SL of HermannLang/Fritz Groß and Theo Helfrich/Helmut Niedermayr cross the finish line in first and second position.
That of 1952 is a memorable Edition, also for the attempt of Pierre Levegh driving alone the entire 24 hours. Unfortunately both due to fatigue that faulty connecting rod of his Talbot-Lago GS Spider, the attempt will be doomed to fail.

The Team manager Alfred Neubauer during race – Photo credit: Getty images
August 3, 1952: the SL amazing even at the Nurburgring
The result of Berne is repeated to the sports car  Annivesary Grand Prix on the terrifying Nurburgring circuit. On the lane four 300 SL roadster version 194W: Theo Helfrich, Lang, Rieß and Kling.
Is still a triumph, with the four cars to top four places: the old warrior Hermann Lang‘s winner, follow Rieß, Helfrich and Kling who lost time due to an oil leak.

Hermann Lang su Mercedes Benz 300 SL alla 1000 km del Nurburgring, 1952/Hermann Lang on Mercedes Benz 300 SL at 1000 km of Nürburgring1952 – Photo credit: Getty images

November 23, 1952: a new challenge on a world stage
The harsh streets of the Carrera Panamericana can certainly represent a beautiful stage with a world-shaking capable of showcasing the abilities of the 300 SL. On dangerous gravel Mexicans held the third edition of this competition created to celebrate the new thorough fare that crosses the Mexico from North to South, from United States to GuatemalaThe Carrera in just three years has occupied a terrible reputation thanks to the considerable difficulties of long paths inaccessible over 3000 kilometers, leading the cars over three thousand meters above sea level.
1952 Carrera Panamericana: a journey through hell
A tough test that of Panamericana, because its seven stages totaling 3113 km must be achieved in just five days and without any chance to rest. Like the Mille miglia, the Targa Florio and the 24 hours of Le Mans,the Carrera Panamericana, is certainly a hard evidence regarding engine, suspension and brakes.
51rXrfTIuNLAmong the participating houses as well as Mercedes-Benz, Alfa Romeo, Lancia, Porsche, Volkswagen and Lincoln also Ferrari that year before he crossed the finish line in the first two positions; for this reason, for the 1952 edition the American team are asking to change the rules, creating a division of categories among the participants: on one side the Sport for sports car with two seats, the other the Tourism standards, including the standard production touring cars, with at least four seats.
Ferrari is represented by the private team Guastalla, coming from Milan who registered 4 Ferrari 340 Mexico from 4.1 liter V12, assigned to Ascari, Villoresi, Chinetti and Farina; also led by Bracco/Bronzoni, the same 3-liter Ferrari 250S that a few months before won the Mille Miglia and participated in the 24 hours of Le Mans.
Three of the 300 SL registered, of which two Coupe and a raodstertaken from 11 racing prototypes made. An aluminium body designed ina wind tunnel, covers a thin cage small diameter metal pipes that make up the lightweight frame of SL. The two Coupè 840 kg net weight, while the spider is about 70 kg. lighter. The 170 HP available allow to SL to reach about 250 km/h.Under the direction of the legendary Alfred Neubauer team manager Mercedes-Benz comes to the competition with a team composed of 23 people and 13 vehicles, including racing cars, two trucks and several useful series 300 and 220 for practicing on dirt roads of the PanamericanaWhile the Ferraris running with 16” wheels, the SL wil  run with 15″ wheels, also by exploiting the experience gained on the demanding German circuits, Neubauer decides to use the tires already employed at the Nurburgring, with tread more often, able to warm up sufficiently on long straights and can offer greater strength over longer paths; while from Mexico City Neubauer will employ the tyre type called“Avus (used on the popular German track), with thinner tread.
Behind the wheel of one of two SL again Kling, with the Copilot Klenk,the other SL Hermann Lang with the Copilot Erwin Grupp, while behind the wheel of the SL roadster the american driver John Fitch, which already drive during rush to Panamericana prior year a board of a Chrysler Stock car .
John Cooper Fitch (descendant of John Fitch, inventor of the Steamboat) is a sod of considerable experience. A few months earlier, among the participants of Le Mans, John was impressed by the performance of SL, on the other hand, the Team’s Chief Engineer Rudolf Uhlenhaut note the ability of Fitch, much to offer him the opportunity to test the new SL on the Nurburgring circuit. Almost a sympathy that is far-fetched, considering that a few years earlier, during the WWII Fitch, aircraft pilot in the army of the United States, shoot in his P-51 Mustang the terrible German Messerschmitt Me 262 fighter planes.

However Fitch performance is remarkable and the pilot manages to convince Nuebauer to participate in the Panamericana race that year. A decision unscheduled at that time for the German company. Fitch is given then the SL roaster, but with no chance to test it. His co-pilot is German Eugene Geiger; communication between the two is quite difficult because Geiger speaks only German, and Fitch just English; also the engine roar and noise during the race are certainly not help, so they decided to communicate using gestures.

Stage 1 from TuxtlaGutierrez in Oaxaca
The competition does not begin in the best way for the SL, Fitch has a very aggressive driving style and during competition John complains of oversteer of its SL roadster, especially when cornering on rough bottom. As can happen in races such as the Mille miglia, urban tracks from around the corner may suddenly jump out something, so Fitch, like other drivers, tends to run in the middle of the road and that also offers a broader view of the curves. While running along a straight road at high speed a tyre explodes breaking a shock absorber, so John decides to stop and fix the car, but since that is against the race rules, he get disqualified from the first stageThe SL of Kling first hole a tire, then as he runs about 220 km/h, has a close encounter with a Caracara, a sort of local Eagle, who has the misfortune to be on the same trajectory of the car and crashing through the windshield ends against the face of Klang, which he forgot to wear a helmet is injured and knocked unconscious.
444674_737825_3695_2739_4210382
Pit stop of the 300 SL of Kling/Klenk for replacement of the tyre (after meeting the bird) during the first stage from Tuxtla Gutierrez to Oaxaca in one of the many check points set up by Mercedes-Benz along the way – Photo credit: Mercedes-Benz Archive
After drinking some hot tea Klang revives, but it gets worse when after a few miles, due to wind pressure due to the high speed in the car, the rear window explodes.
Aboard the SL of Lang things aren’t much better: just before arriving in Oaxaca, has a bad accident while racing at 200 km/his unable to avoid a dog crossing the path, the car is damaged but the drivers come out unscathed.
During the pit stop Mercedes and Ferrari can make the change of tires.
Ferrari 340 of Villoresi has problems to the injection, but the big surprise is that the first stage was won by French driver Jean Behra on 2.3 liters Gordini 17S . Behra driving alone for the whole stage of 330 miles without changing of tires reached Oaxaca with 6 minutes ahead of the Ferrari of Bracco. While Kling comes in third, 8 minutes after Behra, due to the replacement of the damaged tire, which cost him well 12 minutes.
Senator Luis Manjarre, big fan of auto racing, from the radio news of the mishap of the SL with the volatile, he sent immediately with a private plane a new windshield and rear window, along with steel bars to be mounted in front of the windshield before leaving for the second leg.
Stage 2 from Oaxaca to Puebla
In Oaxaca thanks to victory in the first leg Jean Behra is entitled to depart first. John Fitch party fourth, hurtling as usual to the limit of the possibilities of the car. 30 miles before Puebla crosses a bridge at full speed, but he saw the unequivocal traces of a disaster. Lock the car and in the dust does reverse, thus describes the scene that appearsin her eyes: the black marks of tires crossing the bridge diagonally to the right and end up in a gully, below a precipice. 10 meters below sees the Gordini tilted on its side and wedged between two rocksSpare tires mounted on the back of the Gordini worked as a roll-barprevents the pilot remained crushed. Jean once again was saved by luck.
The second stage ends with Villoresi first, ahead of the two SL by Fitchand Kling, with Bracco fourth.
Stage 3 from Puebla to Mexico City
Opens with another terrible accident on a bridge just outside Puebla, the local pilot Santos Letona leaves the track with his Jaguar XK120 breaking through the railing and dies instantly.
The stage ends with Bracco first in the Sports category with his Ferrari 250S, followed by the three SL of Kling, Fitch and Lang. Than the participants are escorted by police through Mexico City, where 500,000 people are celebrating the revolution of 1910. Along the route of the race, to the passage of the competitors crowd beating fists on cars, while the soldiers gripped by unrest wielding bayonets.
Stage 4 from Mexico City to Leon
Along the dusty straights dating Mexico north ward Villoresi of Ferrari 340 Mexico was the best time, behind him the Ferraris of Bracco and the one of Chinetti, followed by the trio of SL slowed by a puncture. For the team Mercedes is time to move on to the tires type “Avus”.
Stage 5 from Leon to Durango
This is the longest stretch of the race. While Villoresi on Ferrari has distribution problems, the Mercedes team starts collecting the results of their specific program of advancement of the race, established step by step. Along the dirt track the pumice powder is lethal for tires.
John Fitch to allow the co-pilot to check while running the state of the tires, practice holes on the fenders, so the rear of the car can be viewed without the need to stop the car.
Neubauer is time for the counter attack at Ferrari. The Germans realize the fastest time of the fifth stage, beating a minute’s Ferrari Bracco. Fitch with some steering problems, comes fourth.
The race continues, but the 92 participating cars are left now only 44.
Stage 6 from Durango to Parral and Stage 7 from Parral in Chihuahua
At the start of stage Bracco is again in the head with a lead of 3’45″compared to Kling, but Ferrari came to Parral begins to lose power. Bracco before the start of stage approaches Klenk and advised him not to take more risks, because he understood that the engine of his Ferrari 250S does not have much longer. Immediately outside Parral, after just 20 miles the fact 250S stops for a fault and the SL of Kling takes command.
Fitch spite of the major problems with the steering does not want for any reason to lose his position. Shortly after the start of the seventh stage, however, his car out of the track in a spin. It then directs the staging point, where the mechanics after 13 minutes of work on the alignment of the steering can restart it. Arriving in Chihuahua is once again disqualified for receiving assistance during the race. It is allowed to run in the last stage but without counting any score.
Kling won the seventh stage with an average speed of 203 km/h before Chinetti and Maglioli.

Parral, Giovanni Bracco on Ferrari 250S, about to leave for the seventh stage – Photo credit: Getty images
 
The final stage from Chihuahua to Cuidad Juarez
This is the faster and harder stage than the whole competition: strong winds blow sand across the road, also the temperature has been lowered significantly. A group of half-ruined cars, body bruised by stones and bumps, animal remains and vegetation on the radiator grille, passes in front of the crowd waiting to cross the line.
After four stages won the SL of Kling/Klenk conlude first at the third Panamericana, with an average speed of 165 km/h, and a total time of 18 hours, 51 minutes and 19 seconds, having covered the final leg to the remarkable average of 214 km/h. The Hermann Lang’s SL comes second overall followed by the Ferrari 340 Mexico’s Chinetti and the Lancia Aurelia Maglioli.
Only 39 of the 95 crew members managed to qualify. Because of the many deaths among the pilots and the public, in 1955 the Carrera will be abolished by the Mexican government.
The triumph of the Mercedes-Benz receives a great interest in the US market.

The birth of SL “Hobel”
After the incredible chain of successes achieved by the 300 SL (W194) in 1952, made only ten specimens, and concluded with the epic experience of Carrera race; in 1953 the Board of Directors of Mercedes-Benz decided to develop a new version of the car for the new season of 1954.
The prototype produced starting from the W194 it’s identified with the chassis number 00011/53. It includes several technical refinements: a slowed pace of 100 mm., to have a better weight distribution. A magnesium body is an engine with aluminum crankcase, equipped with direct injection, capable of ben 215 HP, 40 HP more than the original version with carburetor; also changes for ducting the air cooling and chassis, reducing overall weight of the vehicle.

Mercedes-Benz 300 SL “Hobel” – Photo credit: Darz Mol

The new SL is now really Leicht”, it weighs almost 90 kg. in less than previous W194This new prototype thanks to the particular shape of the snout trunk with a cooling racks reduced from the W194 is nicknamed “Hobel (the Carpenter’s plane) and on tracks like Monza, Hockenheim and Solitude-ring shows excellent skills
October 12, 1953: the vehicle is ready for the first test. A full day of testing at the solitude rennen circuit allows riders to start to familiarize with the new car for the 1954 season. The route of the Solitude ring which passes through towns is as usual cordoned off by the police. On the track a racing 300 SL from the season 1952 and the new prototype chassis #00011/53.
The line of departure and arrival are located on the corner of Glemseck. The race director Alfred Neubauer arranged everything just like in a really race day: tires, fuel drums, warning flags and timing servicesnaturally all mechanics and engineers too, as well as photographers and doctors. A perfect set-up for a training day.
The lap time is realized by the youngest rider: Hans Herrmann, who completed the route of 11.7 kilometres in 4 52, outclassing drivers considerably more experts like Karl Kling (5 17), Hermann Lang (5′ 10), Fritz Rieß (5 07) and the Chief Engineer Rudolf picked up its (5 03). As Neubauer wrote in his report: our young emerging driver Hans Herrmann has produced a startling performance, being the only one to finish in less than five minutes, breaking the official lap record held until now by the motorcyclist Kavanagh.
Herrmann is then of course signed for the 1954 season.
At this point the company changed its policy decides to return it to race in 1954, but to participate in the Formula One Championship, putting on the track a whole new car. A goal that has priority over all other competitive activities under way; 300 SL‘s participation in competitions of 1953 is then abandoned. At this point the House of Stuttgart part with the great W196 monoposto project that in the hands of Fangio will get extraordinary results.

Mercedes-Benz 300 SLR, a whole other story?
1955: the new watchword is F1, Mercedes-Benz wins in all tracks, but the call is missing a race around the world such as the Mille miglia, where Mercedes-Benz has a score to settle with Ferrari again from 1952, the year of grazed victory with W194The 300 SLR, was created so specifically for the purpose of participating in the 24 hours of Le Mans, the world sportscar Championship and the Mille Miglia. So thanks to elaborate technical developments for formula one (W196) comes the SLR: Sport Leicht-Rennen (sporty, lightweight and racing).
23.04.2015_Classic Insight “Erfolgsgeschichten 1955“22.04.2015_Classic Insight “Erfolgsgeschichten 1955“
Mercedes-Benz 300 SLR at Mille miglia 2014 – Photo credit: Mercedes-Benz Archive
Despite the similarity of name, the SLR (W196S code note) is not exactly an evolution of the 300SL (W194), but rather the daughter of the amazing single-seater, from which it inherits most of the chassis, the engine and transmission from 8 cylinders with valves, 2496 cc team, empowered to 2981 cc. with a development of 310 HP and a top speed of over 300 km/h. Even on high performance fuel injection system is that of the W196, which in turn has exploited that employed during World War II on the Messerschmitt Bf 109E fighter.
The reticular frame is aluminum tubes as in the 300 SL, however, stiffer, lighter and lower and supports a lightweight magnesium alloy body, material but in the terrible accident at le Mans 55 proved to be highly flammable and impossible to extinguish. To reduce wear of brakes in the race, it picked up creates (for the 24 hours of Le Mans) a specific baffle made from one part of the back of the bodywork, rising vertically first curves offers a good contribution in the deceleration phase.
22.04.2015_Classic Insight “Erfolgsgeschichten 1955“23.04.2015_Classic Insight “Erfolgsgeschichten 1955“
Mercedes-Benz 300 SLR at Mille miglia 2014 – Photo credit: Mercedes-Benz Archive
As in the W196 the engine was tilted to the right to lower the profile of the car, creating the distinctive bonnet bulge on the passenger side for cooling air intake port. Born thanks to the remarkable ability of Chief Designer Rudolf it picked the 300 SLR racing is the greatest sports car ever made, as defined by Stirling Moss.
1000miglia 025
1000miglia 140
Mercedes-Benz 300 SLR at Mille miglia 2014 – Photo credit: Vittorio Piaggi
Also editions of 1953 and 1954 of the Mille Miglia see cross the finish line first unstoppable Italians, Ferrari and Lancia; but the 1 St may appear threatening at the start of the Mille Miglia 1955 four 300 SLR.
Driving four ACEs, including over to Fangio, Kling, Hermann and Stirling Moss, new promise of Formula one, which along with co-driver Denis Jenkinson, cut the finish line first with his SLR 722 number in 10 hours, minutes and 48 seconds, with an incredible average of 157.65 km/h.Is the best time ever made in the history of that race 5. Follows Fangio, slowed by some mechanical difficulties. Due to a fault, Hans Herrmann is instead forced to retire on the Futa pass when, at the wheel of his 300 SLR, occupied the second position.
mm

Mercedes-Benz 300 SLR at Mille miglia 2014, passage in Siena siena with Jochen Mass driver – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Fangio, Moss and Kling, lead in 1955 the SLR to success in all major road races: in addition to the Mille Miglia, the Targa Florio, the Eifel race at the Nürburgring, in the Tourist Trophy and the Grand Prix of SwedenThe 24 hours of Le Mans in the same year the SLR acquires negative fame, unfortunately even more terrible accident in the history of motoring, when Pierre Levegh driving ends up in the grandstand for spectators. Mercedes-Benz withdraws from the world of racing, leaving keep running a handful of private enthusiasts. 
Mercedes-Benz Renn sport prototyp 300 SLR Uhlenhaut-Coupé (W196 S)

The 300 SLR “Uhlenhaut-Coupé” prototype (W196 S), 1955 – Photo credit: Mercedes-Benz Archive

Of the nine specimens of 300 SLR products, two are converted to road-going version Coupe, employing 300 SL parts too, thus creating a sort of hybrid between the two models, known as “Uhlenhaut’s Coupé “: at that time the fastest car in the world supply. After the disaster at le Mans, this project, despite having features suitable to be put into production is abandoned.
Vittorio Piaggi
Notes
1. The March 19, 1945 Hitler also ordered the destruction of all industrial installations, soldiers and civilians in Germany.
2. The M194 engine is itself derived from the 3-litre M186 from employee on massive sedans Typ 300.
3. The Solitude-Ring is a glorious circuit now disused, situated in Germany along the Valley of Mahden, between the cities of Stuttgart, Leonberg and BüsnaHere they held races until 1965, including the Formula 1 in 1960. Alfred Neubauer appeared here for the first time in her capacity as Clerk of the course in 1926. The Solituderennen raced legends such as Von Trips, Jim Clark and Chris Amon. The route passed through several public roads that were temporarily closed during the competitions. Its name comes from the nearby castle solitude of 1764, (Schloss Solitudehunting lodge of the Duke of Württemberg. In July 2015 Mercedes-Benz celebrated Solitude Revival by putting on the track as the 300 SLon the legendary circuit.
4. Otto Wilhelm Rudolf “Rudi” Caracciola, is one demitici pre-war racerswho like Nuvolari, has had the guts and the ability to win on fast carsand impossible to drive like the formula one of the years 30. Born inGermany to a family of Italian origin was nicknamed “the wizard of rain” for its remarkable ability to drive even on wet roads. 
5. In 2015, Mercedes-Benz celebrated the 60th anniversary of the victory of the 1955 Mille Miglia with the “Mercedes-Benz Tribute to Mille Miglia” in which they took part at the wheel of the SLR 300 pilots who at the time took part in the race Sir Stirling Moss, Hans Herrmann, in addition to contemporary Ralf Schumacher. The event was attended as ambassadors of the brand and the powerful super sports AMG SL, SLR and SLS.

 

Sources
– La Carrera Panamericana – J.Tipler, fast publishing, 2014.
– Mercedes sports – RWSchelegelmilch, H.Lehbrink, Konemann edit.
– Mercedes – E.Deleidi, ediz.Quattroruote, 2008
– Mercedes-seite.de

July 16, 1954, Juan Manuel Fangio (right) with Karl Kling on Silverstone Circuit – Photo credit: Getty images

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

3 pensieri su “Mercedes-Benz SL: una Super Leggera da corsa/Mercedes-Benz SL: a Super lightweight racing car [ITA/ENG]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...